sabato 11 settembre 2010

Reindirizzamento blog

Ok, come al solito ci si pone degli obiettivi, ma poi bisogna sempre muoversi in una specie di slalom.
Io volevo fare di questo blog un semplice appuntamento artistico, ma non riesco effettivamente a gestire dei blog tematici; in più i miei due altri blog (segnati nell'apposito riquadro) mi stanno facendo gonfiare le vene del collo: Myspace sembra essere stato infettato da Facebook a livelli da allarme rosso e Windows Live sembra essersi rimbambito.
Il problema più grande sono i commenti: non è possibile averli ridotti a 500 caratteri. Manco un sms... e già io con gli sms ho dei seri problemi, perché metto virgole, punti, non abbrevio le parole. E' questione di abitudine probabilmente, ma non riesco a diventare analfabeta di colpo. Con tutto il rispetto per chi attua certi meccanismi nella lingua moderma, ma io, scrivendo su blog e su siti di fanfiction, dove scrivere in italiano è necessario, e scrivendo e leggendo molto di mio, trovo la cosa particolarmente difficile.
Ammetto poi che il traffico su Windows Live è rallentato di molto e sentivo una sorta di nostalgia dei bei tempi già da un po': ricordo ancora post con 10 commenti... ora manco mezzo, perché o non guarda nessuno o lo spazio è troppo poco, appunto, e la gente si stufa.
Spero che qui "Il ritrovo delle Muse" abbia vita più facile, che rinvigorisca, perché 'ste Muse si stanno stufando a furia di essere sole solette.
Ho abbandonato i toni aulici e distaccati del post precedente: mi devo sforzare troppo per essere super partes. Speriamo che questo battesimo funzioni. Intanto Munch dà un'idea di quello che vorrei fare...

5 commenti:

Mr Korn Flakes ha detto...

Speriamo che qui, su Blogger, non ci siano limiti sulla lunghezza dei commenti. Ad ogni modo l'unico modo per tenere vivo un blog, di conseguenza attirare lettori, è scrivere; quindi continua a scrivere e prima o poi qualcuno si accorgerà anche di questa pagina.

Lucrezia M. ha detto...

E speriamo. Io di scrivere scrivo, era la piattaforma ad essere diventata insostenibile. L'unica cosa è vedere che succede.

Roke ha detto...

Potresti fare una bella recensione di questo quadro...che mi ha attirata a venire a leggere qui :)
Buona fortuna con lo Space!

Roke ha detto...

Ah, ho letto il tuo post su "Le origini" a proposito dei Placebo a Noci... sembra esser stato un bel concertino! :D Strano che foste in pochi; ma quanto costava il biglietto, per curiosità?
C'è da dire che Noci quest'estate ha visto ben 2 concerti imperdibili: oltre i Placebo, prima ancora, i Litfiba.(Peccato me li sia persi entrambi)

Lucrezia M. ha detto...

Cara Roke, benvenuta in questo luogo di perdizione. Innanzitutto penserò a breve di scrivere un intervento su quel dipinto, mi è venuta una mezza idea interessante. Per i Placebo: il biglietto costava 36,50 €... non poco, ma nemmeno così tanto, conoscendo i prezzi soliti di certi concerti. Detto questo vediamo un po' che succede. Buona giornata!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...